Massimiliano Roncatti

Massimiliano Roncatti nasce a Firenze nel 1986.

Diplomatosi presso l’Istituto d’Arte di Porta Romana (2007), ottiene una borsa di studio per uno stage a New York (2008, Art Student League Academy; National Academy). Dopo il ritorno in Italia si iscrive all’Accademia di Belle Arti di Carrara (2011). L’incontro con il marmo è fondamentale nel suo percorso artistico, garantendogli quella libertà formale e quella sintesi segnica che a oggi rappresentano la sua più riconoscibile firma. La nuova linea artistica raccoglie immediati successi.

http://massimilianoroncat.wixsite.com/etra

massimiliano roncatti
massimiliano roncatti
massimiliano roncatti

L‘arte contemporanea negli ultimi decenni, da Duchamp in poi, ha dematerializzato e concettualizzato l‘opera al di là dell‘oggetto asserendo che basta il pensiero, l‘idea. 

Quante volte ci siamo trovati davanti ad un‘opera e aver pensato: lo potevo fare anch‘io! 

Le opere d’arte contemporanea devono rispondere ad un criterio estetico in contrasto con i criteri artistici dell’arte classica e anche con quelli più recenti dell’arte moderna e sono spesso ricerca ossessiva di trasgressione oltre che di pensiero critico. 

Massimiliano mi ha immediatamente colpito perché riesce con vera maestria a far convivere la tecnica del suo lavoro materico con una lettura simbolica veramente singolare. 

Dopo la formazione e l‘esperienza Newyorkese partecipa a diverse collettive e inizia a vincere concorsi. Il suo interesse verte sostanzialmente per un rapporto più stretto tra arte e società da un lato e tra scultura e percezione sensoriale della realtà dall’altro. 

Vive a Carrara, la patria del marmo e si è proposto di dare nuova vita agli scarti delle estrazioni delle cave per cui realizza le sue opere con materiali di recupero, salva la materia e ricicla creando opere artigianali di forte impatto. 

Il legame che intrattiene con la materia scultorea diventa un dialogo tra i valori concreti e immediatamente riconoscibili, visivi e tattili, talvolta sonori...

Questo articolo appare per esteso nel numero corrente di Lazagne art magazine 12 . Clicca qui per ordinare il nuovo numero.