THE EXPERIMENTAL SELF EDVARD MUNCH'S PHOTOGRAPHY

06/06/2018

SCANDINAVIA HOUSE NEW YORK

11-21-2017 THROUGH 4-7-2018

"Ho una vecchia macchina fotografica con cui ho scattato tantissime foto di me stesso spesso con risultati eccezionali. Un giorno quando sarò vecchio e non avrò niente di meglio che scrivere la mia autobiografia, questi autoritratti verranno alla luce" EDVARD MUNCH

 

The Experimental Self: la Fotografia di Edvard Munch, ora in mostra a Scandinavia House: Il Nordic Center in America, porta il lavoro fotografico del maestro pittore a New York per la sua prima proiezione negli Stati Uniti.

Celebrato a livello internazionale per i suoi dipinti, l'artista norvegese Edvard Munch (1863-1944) era anche un fotografo sperimentale amando e analizzando l'ERRORE. Il mosso, la sovrapposizione, lo sfuocato, le distorsioni fanno parte della sua esplorazione. 

Munch fotografò se stesso e il suo ambiente. In entrambe le immagini fisse e nelle sue poche incursioni con una macchina fotografica mobile, Munch non solo ha archiviato le immagini, ma le ha inventate. In prestito dal Munch Museum di Oslo, in Norvegia, le circa 50 copie in mostra e la proiezione continua del DVD contenente i film di Munch saranno accompagnate da contestualizzazione dei pannelli didattici. Uno sarà storico e biografico, e gli altri esamineranno l'esplorazione fotografica di Munch. Analogamente ai modi in cui l'artista ha inventato tecniche e approcci alla pittura e all'arte grafica, la fotografia informale di Munch ha onorato la materia prima del suo obiettivo e l'ha tramutata in motivi non comuni.

 

 Edvard Munch, Self-Portrait Wearing Glasses and Seated Before Two Watercolors at Ekely, ca. 1930

 

 

 

 

 

 

Please reload

© 2017 by Lazagne Art Magazine iscrizione  al Tribunale di Forlì al n.08/16 del 15/09/2016 - Italy